fbpx
56109
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-56109,eltd-core-1.2,borderland-child-child-theme-ver-1.0.0,borderland-theme-ver-2.4,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,transparent_content,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

“Noi siamo
un cactus”

Il percorso di coaching di gruppo con cui mollare la presa, sentirti leggera e consapevole di chi sei e cosa vuoi, insieme alle tue compagne di viaggio sempre pronte a ricordarti il tuo valore!
Perché non devi essere sempre al 100% in tutto per andare bene!


Sei tu?

  • Senti di aver superato il limite e “Non ne posso più!” è la frase che ripeti più spesso
  • Ti sei sentita spesso sola, come se chi ti sta intorno non potesse comprenderti
  • Hai sempre creduto che pensare ai tuoi bisogni fosse un lusso che non potervi permetterti
  • Devo” è sempre stata la tua espressione preferita
  • Hai sempre vissuto nel timore del conflitto e di ritrovarti nel “torto” o in difetto
  • Sbagliare ti ha sempre fatto una gran paura, così come il pensiero del giudizio altrui
  • Hai sempre pensato di dover dare il 100% in tutto per dimostrare a te stessa e agli altri di andare bene, cercando di compiacerli con la tua disponibilità
  • Hai bisogno di sentirti compresa e accettata
  • Ti servono spazio e tempo per te, quelli che non hai mai avuto il coraggio di concederti
  • Vuoi iniziare a fare a modo tuo, sei a un punto di rottura e senti che qualcosa deve cambiare
  • Vorresti finalmente sentirti a tuo agio nelle relazioni professionali e personali
  • Hai tanta voglia di mollare la presa e il controllo, ma non sai da che parte cominciare

 

Mi sembra di di conoscerti…

Non sei la sola a sentirsi così, sai?
Come un cactus pieno di spine, convinto di essere il solo a vivere l’esperienza dell’imperfezione e dover nascondere i difetti di cui si vergogna.
Incapace di reggere il confronto con gli altri, intrappolato nel suo sentirsi “strano“, “diverso“.

 

Se non ne puoi più è arrivato il momento di farti prendere per mano!

Grazie a “Noi siamo un cactus” potrai:

  • Sentirti ascoltata, compresa e accettata, perché imparerai tu per prima ad accettarti
  • Ritrovare il tuo spazio e il tuo tempo, quelli che di cui ti sei privata troppo a lungo
  • Scoprire di avere dei bisogni, non solo dei doveri, e che non sei l’unica ad averli!
  • Imparare a vivere rispettando le tue necessità
  • Sentirti più leggera, ritornare a respirare
  • Rispettarti e farti rispettare
  • Trovare una rete di supporto, alleate e amiche con cui condividere il tuo cammino e da cui trarre forza e ispirazione
  • Trovare il coraggio, la sicurezza e la leggerezza per iniziare a fare e smettere di procrastinare
  • Sentirti alla pari nelle relazioni, smettendo di fare buon viso a cattivo gioco
  • Fare chiarezza su ciò che vuoi davvero e a prendere le tue decisioni con lucidità e sicurezza
  • Sentirti energica e motivata, provare entusiasmo e voglia di fare
  • Fare le cose “a modo tuo”, che questo significhi mettere dei paletti alle richieste dei tuoi clienti o collaboratori o decidere come passare il tuo tempo libero come piace a te!
Patrizia Arcadi - La Coach Imperfetta - Home - Cosa c’entra l’accettazione?

Come funziona il percorso

Noi siamo un cactus è un percorso di 6 incontri di coaching di gruppo (cinque + uno finale di monitoraggio), che prevede una parte di lavoro individuale con esercizi da svolgere tra un incontro e l’altro.

 

Lavoro individuale:
Si baserà sugli esercizi del percorso di autocoaching “Io sono un cactus” , che svolgerai autonomamente e su cui ci confronteremo nella successiva sessione di gruppo.

 

Lavoro di gruppo:
Ci incontreremo una volta al mese, per 5 mesi, per confrontarci sulle consapevolezze apprese con gli esercizi svolti fino a quel momento, condividere riflessioni, spunti, difficoltà e conquiste.
Guiderò ciascuna di voi alla scoperta di blocchi da superare, strategie da mettere in atto per passare allo step successivo, riflessioni per trovare le proprie risposte e le proprie soluzioni alle difficoltà della vita di tutti i giorni. Affiancherò il gruppo nel cammino comune, supportando al tempo stesso ogni partecipante nella propria trasformazione intima e personale, fornendo sempre nuovi strumenti e spunti personalizzati per procedere nel percorso.

 

Il sesto incontro: la sessione finale di monitoraggio
Al termine del percorso ci ritroveremo per fare tutte insieme il punto della situazione. Ciascuna di voi avrà il proprio spazio per condividere la propria esperienza, un momento prezioso per ripercorrere e apprezzare il cambiamento, osservando la propria storia anche attraverso gli occhi e le parole delle altre partecipanti. In quell’occasione, fornirò a ciascuna di voi una mia resistuzione sul vostro percorso con proposte e spunti per  mantenere nel tempo i benefici di questa esperienza.

Patrizia Arcadi - La Coach Imperfetta - Home - Cosa c’entra l’accettazione?

Le tappe e le date del percorso

Gli argomenti che affronteremo saranno:

  • Consapevolezza: riconosci di cosa vuoi liberarti e come ti stai sabotando
  • I bisogni: capire le tue necessità, conoscere e rispettare te stessa
  • Imperfezione: l’auto giudizio e il sentirsi “abbastanza”
  • Accettazione: impara ad accettare te stessa
  • Imperfezionismo: la leggerezza di una vita a propria immagine e somiglianza

 


Le date delle sessioni di gruppo:

  • giovedì 24 febbraio, dalle 10.00 alle 12.30
  • giovedì 24 marzo, dalle 10.00 alle 12.30
  • giovedì 21 aprile, dalle 10.00 alle 12.30
  • giovedì 19 maggio, dalle 10.00 alle 12.30
  • giovedì 16 giugno, dalle 10.00 alle 12.30


Sessione di monitoraggio:
giovedì 29 settembre, dalle 10.00 alle 12.30

Patrizia Arcadi - La Coach Imperfetta - Home - Imperfezione, cioè?

Costo e modalità di pagamento

Le iscrizioni per l’edizione di febbraio sono chiuse.
La prossima edizione si terrà in autunno: iscriviti alla lista d’attesa per rimanere aggiornata!

Le parole di chi ha già seguito Noi siamo un cactus

Ilaria Raucci, responsabile comunicazione. Da senso di fallimento a opportunità e fiducia.
“Il percorso di gruppo con Patrizia mi ha permesso di ritrovarmi nelle storie delle altre per darmi la possibilità, insieme a loro, di esplorare nuovi modi e strumenti per “attraversare” una quotidianità di emozioni, pensieri, relazioni, bisogni. Patrizia ha una capacità unica di creare le condizioni perché ciascuna possa costruire la propria rete di salvataggio, salda e sicura. A quel punto “cadere” non è più un fallimento, ma, semplicemente, una possibilità o, addirittura, un’opportunità.”


Sara Gentile, fotografa. Da pesantezza del “dovere” a leggerezza del “volere”.

“Ho seguito altri servizi di Patrizia e mi sono stati tutti utili e preziosi; quello che mi ha davvero fatto capire che anche questa volta ho fatto la scelta giusta è stato la dimensione di confronto e empatia non solo con una coach competente e disponibile quale è Patrizia ma anche con altre persone con i miei stessi dubbi, paure e desideri. Sentire che non siamo da soli nella nostra “imperfezione” e ascoltare diversi punti di vista è un dono prezioso.”

 

Maria Giannuzzi, web designer. Da solitudine a vicinanza.
“L’ascolto e la condivisione mi hanno fatto capire che in realtà il mio non era un malessere “solitario”, ma qualcosa che poteva essere compreso e condiviso da altre persone. Tutto ciò mi ha dato la possibilità di comprendere di più i miei bisogni, amplificando l’effetto, perché ascoltando anche i bisogni delle altre, confrontandosi e ascoltando le loro riflessioni, ho arricchito di più anche la mia consapevolezza.

È stato bello scoprire e riscoprire i bisogni di tutte noi.
Noi siamo un cactus lo consiglio a chi ha paura di iniziare, a chi pensa di dover dare il 100% di se stessa sempre, a chi si trova sopraffatta dalla vita di tutti i giorni.”

Patrizia Arcadi - La Coach Imperfetta - Home - Imperfezione, cioè?

Cosa lo rende speciale

“Noi siamo un cactus” è speciale perché…

Expand Section

La forza del gruppo

Il gruppo è il luogo in cui puoi riconoscere come legittime le tue emozioni e i tuoi pensieri, senza giudizio.
E’ dove puoi esprimere i tuoi bisogni senza sentirti in colpa, in cui puoi ritrovare l’ascolto di te stessa e la fiducia, attraverso la comprensione dell’altro.
Il gruppo è l’ambiente protetto dove tornare ogni volta per sentirti ascoltata, accolta, compresa; dove fare cadere le barriere della vergogna, sperimentare te stessa in uno spazio protetto, per poi portare “fuori” chi sei con sicurezza, coraggio, motivazione, voglia di esplorare e di mettere in pratica ciò che hai scoperto di te.
Il gruppo ti dà il ritmo: hai qualcuno che ti ricorda la rotta, che ti guida e, nel bisogno, non ti lascia indietro.

 

 

Il mix di lavoro individuale e di gruppo

I momenti di lavoro individuale ti daranno l’autonomia per svolgere gli esercizi con i tuoi tempi e ritmi, in intimità e piena libertà.
Gli esercizi sempre a tua disposizione caricati su una piattaforma dedicata ti permettono di non perderti i pezzi e avere sempre tutto a disposizione, anche in futuro.

Al contempo, grazie all’esperienza di gruppo, potrai accelerare il tuo percorso di crescita, starai al passo senza il timore di perderti o rimanere indietro, forte della condivisione con donne simili a te e al tuo sentire, che comprendono e conoscono i tuoi pensieri, le tue paure, i tuoi desideri.
La sessione finale di monitoraggio ti permetterà di fissare tutte le pietre miliari del tuo percorso, aggiustare il tiro, sbloccare ciò che senti di voler ancora condividere e capire come mantenere nel tempo i benefici del lavoro fatto.

Hai dubbi o domande? Scrivimi a patrizia@patriziarcadi.it o leggi le domande di seguito

1. Se salto un incontro di gruppo, cosa succede?

Potrai recuperarne il contenuto: previa conferma delle altre partecipanti, infatti, la sessione di gruppo sarà registrata. Qualora non si potesse registrare, ti invierò un recap dei punti emersi per aiutarti a non perdere il filo.

2. E se durante gli incontri non me la sento di condividere?

Non sei obbligata a esporti, né a condividere o commentare. Ognuna di noi ha i propri tempi e i propri modi per vivere le esperienze, anche quelle condivise. Se e quando sentirai di aver voglia di dire la tua, noi saremo lì per te, a braccia aperte. In ogni caso, posso assicurarti che trarrai tantissimo dal percorso anche “solo” con l’ascolto e la tua presenza, preziosa per te e chi ti starà accanto e che l’atmosfera di vicinanza e supporto ti aiuterà a buttare giù le barriere prima di quanto credi!

3. Se ho bisogno di un confronto con te tra un incontro e l'altro?

Se preferisci farlo in privato, sempre scrivermi a patrizia@patriziarcadi.it con le tue richieste e i tuoi dubbi. Se vorrai condividere le tue considerazioni con tutto il gruppo, avrai a disposizione una bacheca condivisa in cui tutte potranno contribuire e rispondere con le loro riflessioni.

4. Non ho capito cosa c'entra "Io sono un cactus"?

“Io sono un cactus” è il percorso di esercizi pratici che useremo come base per il lavoro individuale da svolgere tra un incontro e l’altro! Iscrivendoti “Noi siamo un cactus” avrai quindi due servizi in uno: il percorso di autocoaching online “Io sono un cactus” e le sessioni di gruppo!

5. Non sono ancora certa se sia il percorso giusto per me...

Se hai ancora qualche dubbio, puoi guardare il video di presentazione di “Noi siamo un cactus” e scrivermi a patrizia@patriziarcadi.it, sarò felice di aiutarti a capire se questo percorso è adatto a te!